Separazione carriere, Ucpi: Magistratura Indipendente non ci preoccupa

Non siamo preoccupati per nulla dalle parole di Magistratura Indipendente. Ogni volta che qualcuno avanza proposte di politica giudiziaria non gradite a una parte della magistratura, si evoca un inesistente vulnus alla sua indipendenza“. Così il presidente dell’Unione camere penali Beniamino Migliucci dal palco di “LiberaItalia. Europa, Fisco e Giustizia. Idee per liberare l’Italia da populismo, statalismo, giustizialismo”, evento organizzato dalla Fondazione Einaudi oggi al Teatro Carcano di Milano.

Migliucci rilanciando sulla separazione delle carriere su cui l’Ucpi lo scorso 4 maggio ha avviato la raccolta firme per l’introduzione in Costituzione della separazione delle carriere tra magistratura inquirente e requirente (in due giorni sono già state raccolte oltre le seimila firme), ha replicato alla presa
di posizione di Magistratura indipendente contro l’iniziativa dei penalisti. “L’unico vero vulnus è rappresentato dall’unicità delle carriere che si pone – ha aggiunto Migliucci- in contrasto con i principi del giusto processo che prevede un giudice terzo per garantire l’imparzialità della decisione. Sono convinto che riusciremo nel nostro intento ma in ogni caso le uniche battaglie perse sono quelle che non si fanno. Insieme alla separazione delle carriere dobbiamo rilanciare i principi costituzionali come
la presunzione di innocenza e il principio di legalità”.

Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*
*