Unione Italiana Forense: mobilitiamoci per separazione delle carriere

L’Unione Italiana Forense – UIF condivide l’iniziativa della Unione delle Camere Penali Italiane con la quale è stata depositata presso la Corte di Cassazione la proposta di legge di revisione costituzionale per la separazione delle carriere fra magistratura giudicante e magistratura requirente, nella comune e diffusa convinzione della necessità di un riassetto complessivo della giurisdizione, ormai non più procrastinabile, che impone, quale primo e propedeutico passo, il potenziamento della figura del giudice “terzo”, esaltandone la sua indipendenza ed autonomia.
Non solo, ma la specializzazione della magistratura requirente, consentirà sicuramente un più proficuo esercizio dell’azione penale, e un minor numero di errori giudiziari.
L’Unione Italiana Forense, lungi dal limitarsi a manifestare mera condivisione di intenti, si propone come parte attiva per la raccolta delle firme utili alla proposta di legge di revisione costituzionale in oggetto, che avrà inizio il prossimo 4 maggio, auspicando un coordinamento di tutte le realtà associative forensi volto alla massima diffusione nella società civile degli intenti dell’Avvocatura italiana, anche al fine di far comprendere che questa battaglia di civiltà giuridica non ha alcun interesse corporativo, ma risponde all’esclusivo interesse di autentica difesa del principio della terzietà del giudice e, quindi, di difesa del Popolo Italiano in nome del quale la Giurisdizione viene esercitata.

Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*
*